Close
Book Your Reservation

Corsi di Pilates e Yoga a Catania

Contattaci al: 095 37.10.63
Fusion

Germogli, un pieno di salute

By in Alimentazione e Salute with 0 Comments

germogli

I più conosciuti sono probabilmente quelli di soia, ma  in realtà i germogli si possono ricavare da una molteplicità di semi e contengono in sé una vastità di proprietà benefiche per la nostra salute. Perché si potrebbe dire che i germogli preservano tutta la forza della infinite potenzialità che sono custodite nel seme, quel magnifico corredo di vitamine, carboidrati e sali minerali che si disperdono poi nel processo di crescita, reso più facilmente assimilabile dal corpo umano.

Dai germogli un concentrato di nutrienti

Il seme è infatti un organismo completo che, messo nelle giuste condizioni, germoglia e dà vita a radici e foglioline. E’ in questo momento di intenso sviluppo e creazione che il seme esprime le sue massime potenzialità che, come dicevamo, si perdono man mano che ci si avvia verso la pianta adulta.

Quattro motivi per mangiare germogli?

  • I germogli contengono una grande quantità di carboidrati sotto forma di zuccheri semplici
  • Rappresentano una scorta di proteine vegetali scisse in aminoacidi e quindi rapidamente assimilabili.
  • Sono poveri di grassi e ricchi invece di enzimi e sali minerali: anche questi sono più facilmente assimilabili dal corpo umano in quanto vengono chelati (combinati) con gli amminoacidi.
  • La quantità di vitamine contenuta nei germogli è doppia rispetto a quella presente nel seme e quasi tripla rispetto alla pianta adulta. 

E se per fare un tavolo ci vuole un fiore, per arricchire la propria alimentazione di una varietà di “mattoncini” ad alto valore nutrizionale ci vuole un seme.

Come ottenere i germogli?

Magari sarà capitato anche a voi di lasciare in ammollo i legumi un po’ più a lungo e di trovarli improvvisamente sbocciati. Ecco, esattamente questo è il modo per dare avvio al processo di germinazione. Dopo aver lasciato in ammollo i semi per una durata compresa tra 6 e 12 ore a seconda delle loro dimensioni, occorre scolarli per bene con l’aiuto di uno scolapasta e posizionarli in un germogliatore: ne esistono appositi in commercio ma è possibile anche servirsi di un recipiente “casalingo”, un piatto o un vassoio si prestano benissimo allo scopo. L’importante è non lasciare ristagni d’acqua, per evitare la formazione di muffe, e tenere il contenitore al buio, chiuso con un panno o un coperchio. Una volta pronti i germogli si possono conservare in frigo per una settimana e, prima di consumarli, è opportuno esporli alla luce del sole per incrementarne le sostanze nutritive.

Germogli, quali semi scegliere?

Potete sbizzarrirvi nella scelta emettere alla prova il vostra palato: dai legumi al grano saraceno, alla bietola e ai ravanelli , ognuno ha il suo gusto e le sue indicazioni. Si raccomanda di utilizzare semi bio, anche perché con quelli Ogm spesso e volentieri il processo di germinazione non si avvia.

 

 

Share This
About The Author
Fusion

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>